lunedì 14 maggio 2018

Pillole di Salute: "Occhio e traumi"

Eccoci al solito appuntamento con il nostro veterinario Sergio Canello.
Fidatissimi, con questa utile guida, dobbiamo cominciare a dare il meglio ai nostri amici animali.


Vediamo cosa ha da dirci oggi il Dott. Sergio Canello, fondatore e responsabile Centro Ricerche SANYpet Medico veterinario ed esperto internazionale in patologie di origine alimentare:
 "Qualsiasi trauma inerente l'occhio mette estremamente paura e credo che molti pensino che una ferita all'occhio, più che mai con perforazione dello stesso e perdita dell'umore acqueo (il liquido che riempie la camera anteriore, subito sotto la cornea), comporti necessariamente la cecità o danni permanenti.
Eppure non è così, anche l'occhio, come tutte le parti del nostro corpo, ha delle capacità notevolissime di auto-guarigione e, coincidenza, ho appena ricevuto una mail da un cliente di almeno venti anni fa che ricordava il tempo in cui veniva nella mia clinica con il suo gatto. E citava quando il povero gattino si era ritrovato con un'uveite perforata, proprio con l'occhio bucato. Ebbene Silvia, la proprietaria, mi ringraziava per aver salvato la vita al suo animaletto, mi raccontava che era poi arrivato a morire sereno di vecchiaia e, riguardo all'occhio, mi segnalava che era guarito perfettamente, senza neanche traccia della cicatrice che inizialmente si era forzatamente prodotta. Potenza della natura!
Patologie dell'occhio e inquinanti chimici.

È anche vero che di patologie dell'occhio ve ne sono tante: forme allergiche, congiuntiviti, orzaioli, calazi, cheratiti, forme autoimmuni, panoftalmiti, uveiti, entropion, ectropion e varie altre, ma addirittura nella maggior parte dei casi c'è di mezzo lo zampino dell'uomo, che, nello stesso tempo, crea cose meravigliose e altre terribili. Il tema è sempre lo stesso, per aumentare le produzioni di tutte le materie prime e di tutti i prodotti finiti sta utilizzando una tale massa di prodotti chimici (oltre 500 milioni di tonnellate all'anno, che vanno ad aggiungersi alle precedenti e si propagano dappertutto, persino ai poli) da avvelenare il pianeta e tutti i suoi abitanti, specie quelli che gli vivono a stretto contatto.
Questo avvelenamento chimico e farmacologico è responsabile dell'enorme aumento delle patologie allergiche, infiammatorie e tumorali che si è verificato dagli anni '60, guarda caso proprio in coincidenza con la rivoluzione industriale. 

Quindi, le malattie dell'occhio sono sempre esistite, ma sono enormemente aumentate proprio a causa dell'esposizione voluta (farmaci di tutti i tipi) o involontaria (mangiando cibi avvelenati, usando creme, deodoranti, profumi prodotti con spesso decine di composti chimici, e basta leggere l'etichetta!).
La lacrimazione costante 
Il disturbo più comune e meno grave è rappresentato dalla lacrimazione costante, spesso densa e colorata, che lascia una scia sgradevole sul pelo sotto l'occhio. I cani e gatti che ne sono afflitti sono moltissimi e quasi sempre viene imputata alla conformazione del muso dei cani e gatti brachicefali (con il muso schiacciato). Effettivamente, e logicamente, una componente del fenomeno può essere legata a ciò, ma fatto sta che un'alimentazione pulita e completa aiutata dagli antiossidanti fa sparire molto spesso completamente il fenomeno in pochissimi giorni. Ne sono testimonianza l'alimentazione per cani FORZA10 Depura Diet e Hypoallergenic Active per gatti, con miglioramenti visibili in pochissimi giorni e scomparsa totale dei sintomi nella maggior parte dei casi. A comprovarlo sono le nostre ricerche scientifiche e studi clinici, ma soprattutto i tanti casi risolti. 
Patologie dell'occhio e alimentazione
Ma di patologie dell'occhio legate all'alimentazione ce ne sono altre, per esempio le congiuntiviti croniche, spesso monolaterali. Queste infiammazioni sono spessissimo dovute alla presenza, specie nel pet food, di residui tossici di ossitetraciclina. 

Qualsiasi farmaco utilizzato per questa congiuntivite cronica risulta perfettamente inutile in quanto non interviene sulle cause, mentre il semplice cambio alimentare, utilizzando specialmente il pesce di mare, permette di risolvere moltissime congiuntiviti croniche.
Ciò vale anche per una patologia molto più grave quale la cheratocongiuntivite secca, patologia guarda caso in vertiginoso aumento anche in cani giovanissimi.
Questa cheratocongiuntivite è stata identificata come autoimmune, quindi quanto di peggio si possa verificare. 

Le patologie autoimmuni sono caratterizzate dal fatto che il proprio sistema immunitario letteralmente impazzisce e comincia a danneggiare ciò che dovrebbe difendere. Anche in questo caso, le forme autoimmuni sono sempre esistite, ma è spaventoso osservare l'aumento esponenziale di questa patologia all'occhio. E neanche si può dire che in passato non era diagnosticata perché è una sintomatologia talmente drammatica da non poter essere passata inosservata. 
Fatto sta che anche questa gravissima patologia, che porta anche a dover enucleare l'occhio o gli occhi per porre fine alle sofferenze dei soggetti colpiti, ha una frequentissima origine alimentare (sempre la presenza nel cibo di residui tossici delle tetracicline). 
Lo dimostra uno studio concluso da un gruppo di specialiste e pubblicato sulla rivista BMC Veterinary Research, che evidenzia la riduzione fino alla scomparsa totale della patologia con un modello alimentare specifico con l'alimento FORZA10 Immuno Active, in grado di riportare all'equilibrio il sistema immunitario. Come sempre, è necessario eliminare ciò che può contenere residui di tetracicline, ma non è certo secondario il ruolo di uno specifico pool di fitoterapici, che aiuta indiscutibilmente il sistema immunitario a tornare in sé.
Oltre alla cheratocongiuntivite, c'è un'altra patologia, la panoftalmite, che coinvolge l'occhio nella sua totalità, in una distruzione apparentemente inarrestabile e irreparabile.
Tuttavia, esistono dei casi ove togliendo tutto ciò che è sbagliato nell'alimentazione, l'organismo riesce a fare il miracolo di riparare danni incredibili. Dalla natura abbiamo solo da imparare, prima di tutto l'umiltà".

Consigli di una Mamma Casalinga, con grande impegno e soprattutto riconoscendo e conoscendo questi prodotti, vi informa continuamente sulle novità/necessità e tanto altro che riguarda i nostri amici Animali e non.
Vi ricordo che potete anche acquistare direttamente dal sito www.forza10.com.
Non solo ma troverete tantissime altre informazioni utili.
www.sergiocanello.it

mercoledì 2 maggio 2018

Alla scoperta di HEADU e i giochi appena arrivati in casa.

Mi sono sempre sentita in dovere di aiutare i miei figli nel percorso formativo che li sta portando alla società adulta.
Mi interesso soprattutto di propinargli giochi educativi che possano ampliare le loro conoscenze e sviluppare le capacità in modo ludico.

Le mie ricerche on line mi hanno portato ad un marchio nuovo per me.

Tramite ricerche nel web mi sono imbattuta sul sito di Headu.com.
I miei figli adesso sono alle primarie e necessitano di giochi che sviluppano logica, osservazione, prontezza, concentrazione, ecc..
In questo periodo ho notato che chiedono e amano i giochi di gruppo, i giochi in scatola e passare le serate con noi seduti in salotto a divertirci.
Tra i numerosi titoli per la loro età, sul sito ho scelto 2 giochi che mi hanno colpito.
Il primo è "Colpo D'occhio". 
Nella scatola si trovano tantissimi oggetti e accessori, uno spinner-puzzle, 217 soggetti sagomati di diverse categorie, 1 clessidra da 40 secondi e il regolamento di gioco.
Quando è arrivato i bambini erano entusiasti, hanno voluto giocare subito:
Abbiamo montato lo spinner-puzzle;
Posizionato a terra i 217 soggetti;
Lanciato il gioco.

Si gira lo spinner e in base alla casella che si è selezionata bisogna trovare i soggetti giusti nel minor tempo possibile! 
Un gioco che ci ha appassionato, i bambini non volevano più smettere, ma il bello è che neanche mamma e papà volevano smettere!
Giocando mi sono accorta che i bambini dovevano concentrarsi, ricordare le posizioni degli oggetti, e dovevano classificare i diversi tipi di soggetto, frutta, verdura, animali, mezzi di trasporto, dolci, ecc..
Il tutto veniva fatto tranquillamente e con spirito giocoso e divertente.
Credo che sia un gioco di società molto educativo e soprattutto molto spassoso.
Il secondo, un po' più serioso e pacato, è "FATTORIA Easy English 100 parole".
Il più piccolo dei due miei figli adora l'inglese, già in famiglia lo mastichiamo un po' avendo parenti sparsi in Gran Bretagna.
Questo gioco è un puzzle, ma non uno di quelli classici.. Su ogni tassello è impresso il termine inglese di un oggetto.
Dentro la scatola ci sono: 100 tessere del puzzle e un foglio con 108 adesivi attacca e stacca su cui è scritto il nome in inglese degli oggetti.
Un gioco che non è solo completare i puzzle, ma anche associare l'oggetto al nome in inglese. In ogni tassello c'è una casella su cui deve essere applicato l'adesivo giusto.
Per alcuni giochi sono previste anche delle App a sostegno, ad esempio in quest'ultima tramite l'app si può ascoltare l'esatta pronuncia delle 108 parole in inglese presenti sul puzzle.
Che dire... i miei figli con questo gioco stanno imparando a conoscere la lingua inglese in maniera naturale, imparano nuovi termini e a leggerli avendo una corretta pronuncia.

La tecnologia ai giorni nostri ci porta sempre verso una rinnovata scelta anche per i giochi educativi, i genitori spesso per pigrizia o per dare un "gioco" ai propri figli li mettono davanti a tablet o televisione.
I genitori sperano che con questi i bambini sviluppano capacità sconosciute magari ai loro tempi. 
L'intelligenza dei bambini non è collegata solo alla genetica, tutto ciò che li circonda è il loro futuro.
L'intelligenza si sviluppa e si alimenta di stimoli.
Ogni cosa! 
I genitori, il mondo esterno, le persone e le cose che stanno intorno al bambino stesso sono imput che faranno crescere gli uomini e le donne del domani.
Buon Gioco a Tutti.

Headu s.r.l. 
Viale Europa 23
64023 Mosciano Sant'Angelo (TE)
https://headu.com
Contatti
info@headu.com
Seguili su Facebook
Seguili su Youtube

lunedì 16 aprile 2018

Pillole di Salute: "Il metodo per giudicare un nuovo alimento".

Ci siamo è arrivato il momento della pillola di salute del nostro caro Veterinario Sergio Canello (Fondatore e responsabile Centro Ricerche SANYpet. Medico veterinario ed esperto internazionale in patologie di origine alimentare) un argomento davvero interessante oggi!
"Esiste un metodo semplicissimo e perfetto per giudicare se un alimento mai utilizzato, qualunque esso sia, è esente da sostanze inquinanti tossiche: il cane o il gatto NON devono presentare, già dopo pochissime ore, alcuno dei seguenti sintomi, tutti provocati nella stragrande maggioranza dei casi da residui chimici e farmacologici presenti nell'alimento (consulta la nostra ricerca specifica)*:
- prurito al collo e fondo schiena;
- arrossamenti improvvisi;

- lacrimazione improvvisa, ricorrente o costante;
- arrossamento degli occhi;
- scuotimento dell'orecchio;
- alito cattivo;
 
- gengivite;
- arrossamenti cutanei;
- forfora;
- leccamento della zampa;
- leccamento delle sacche anali;
- desiderio improvviso ed esagerato d’erba;
- eruttazioni;
- vomito di soli succhi gastrici;
- flatulenza;
- feci molli o diarrea;
- debolezza del treno posteriore;
- fotofobia;
- ansia, nervosismo, paure improvvise.

A cosa fare attenzione
Particolare attenzione all'osso e agli avanzi delle grigliate che, oltre ai sintomi descritti, possono provocare, nei soggetti predisposti, l'hot spot, una piaga improvvisa che compare sul dorso e che è accompagnata da un prurito irrefrenabile che porta il cane, attraverso il grattamento con la zampa o, se ci arriva, con i denti, ad aggravare ulteriormente la lesione.
Fateci caso, è semplice, sapendolo, fare l'associazione fra cibo e lesione.

Consigli di una Mamma Casalinga, con grande impegno e soprattutto riconoscendo e conoscendo questi prodotti, vi informa continuamente sulle novità/necessità e tanto altro che riguarda i nostri amici Animali e non.
Vi ricordo che potete anche acquistare direttamente dal sito www.forza10.com.
Non solo ma troverete tantissime altre informazioni utili.
www.sergiocanello.it

sabato 24 marzo 2018

Acque Pure Italia, per non comprare più acqua in bottiglia ed ottenere un notevole Risparmio

Sapete quanto sia molto interessata al risparmio in casa. Oggi riflettevo come "stringere la cinghia" senza rinunciare a ciò che è necessario al proprio benessere .
L'acqua ad esempio, elemento fondamentale per l'uomo, può essere il primo punto su cui risparmiare.
Tante sono le statistiche su questo tema. 
Un calcolo approssimativo sul risparmio annuale, per una famiglia di 4 persone, se si rinuncia all'acqua in bottiglia e si consuma acqua di rete trattata e migliorata con delle apparecchiature: si risparmiano almeno 645€ all'anno.
Se andiamo a fare un piccolo calcolo, l'acqua di rete in Italia costa mediamente 0,00155€ al litro, contro una media di 0,25€ al litro di acqua in bottiglia (media che non considera le acque più costose in bottiglie di vetro). 
Anche prevedendo un aumento per l'acqua di rete (per la necessità di rinnovare le reti idriche italiane, spesso vecchie e non più sicure al 100%) che porterà i costi ai livelli europei (Italia 1,55€ a metro cubo, Francia 2,82€, Germania 3,07€, Austria 3,15€, Belgio 3,44€, Lussemburgo 3,46€) il calcolo si fa presto.
Ad oggi, con il costo di un litro di acqua in bottiglia si possono comprare 161 litri di acqua pubblica domani, nella peggiore delle ipotesi, con 0,25€ si potrebbero acquistare 73 litri di acqua pubblica.
Quindi non sto a dirvi che comunque il "GROSSO" risparmio ci sarebbe sicuramete, statisticamente provato!
Da non tralasciare nel conto, ma difficili da quantificare, sono i costi di trasporto dell'acqua in bottiglia dal supermercato fino a casa, i costi di immagazzinaggio nelle nostre case, i costi della gestione delle bottiglie in plastica (PET) in quanto rifiuti e i costi derivanti dallo spreco di tempo nella gestione famigliare di tutto questo processo di approvvigionamento.
Noi italiani, inclusa anche me, abbiamo nei confronti dell'acqua di rete una sorta di sfiducia.
L'acqua di rete è qualitativamente accettabile quando parte dagli invasi degli acquedotti, ma è pur vero che si contamina nell'attraversamento di obsolete reti idriche (sia pubbliche che private). 
Secondo me, se si acquistano le giuste apparecchiature ad esempio quelle di Acque Pure Italia, le acque delle reti pubbliche italiane possono diventare addirittura più buone e salutari di tante acque minerali in bottiglia, perchè opportunamente migliorate e affinate.
Potete avere maggiori dettagli sul sito : http://www.acquepureitalia.com
#acquepureitalia